MARCHIO KYEM completo originale.png

Accordarsi nello Yoga...

pratichiamo in sincronia.

In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
 la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.

(Giovanni 1,4-5)

ISTRUZIONI PER L'USO:

 

Benvenuto/a,

A seguire ti aspetta la proposta di oggi, che vi invitiamo a fare nel rispetto della sincronia di orario, per avvalorare la risonanza, la condivisione.

La proposta si sviluppa in due momenti: 

  • lettura del testo

  • meditazione seguendo la traccia audio 

Inizia a leggere la traccia scritta seguendo le indicazioni al fine di prepararti fisicamente, mentalmente e spiritualmente a quello che stai per fare.

Ricordati che è sempre molto importante che tu ti sia dedicato del tempo e dello spazio adatto per poter fare quello che proponiamo senza fretta.

Al termine della meditazione mettiamo a disposizione anche tre diverse traccie audio per guidare attraverso la sequenza di ashtanga yoga coloro che vogliono praticare. Lasceremo sempre a disposizione le traccie così che possiate praticare quando preferite.

   Sabato 1 gennaio   Rinnovamento

Prepara lo spazio della pratica con cura ed attenzione, assicurandoti che sia intimo, silenzioso. E' importante che questo sia un momento dedicato a te.

Stendi con cura il tappetino ed utilizza un cuscino, una coperta ripiegata o uno zafu per la meditazione se ti fa piacere o sei solito utilizzarli durante i tuoi momenti di ascolto. Questo ti aiuterà a mantenere una posizione più confortevole e più a lungo.

Tieni il supporto virtuale che hai scelto per seguire la pratica (pc o telefono) vicino a te ma non lasciarti disturbare.

Prepara una ciotola con l'acqua e mettila davanti a te. Di fronte poni una candela accesa.

Siediti a terra portando i glutei sul cuscino o direttamente sul tappetino, sentendo l'appoggio sugli ischi.

Incrocia le gambe trovando una posizione a te confortevole.

Ascolta il peso del corpo, bilancia l'inclinazione della colonna vertebrale fino a sentirti in allungamento verso l'alto ma senza sforzo.

Respira.

Accogli i suoni che arrivano dall'esterno provando ad integrali al tuo ascolto. Affina sempre più il tuo ascolto, integrando i suoni lontani e quelli vicini, fino ad ascoltare solo il suono del respiro e del ritmo cardiaco.

Guarda la candela, osservane i contorni, il movimento, la luce.

Rinnovamento

E' notte. Notte fonda.

E' buio. buio denso, spesso.

Stavi camminando e all'improvviso ti sei fermato.

Eri in grado di vedere e all'improvviso ti si è offuscata la vista.

Eri sensibile ai suoni e d'un tratto hai confuso tutto nel rumore.

E' notte. Notte fonda.

Non riconosci più quello che ti circonda, talmente è fitta e impenetrabile l'oscurità intorno a te.

Quelli che pensavi essere luoghi conosciuti, sono diventati ameni; 

Le braccia nelle quali eri solito trovare conforto, si sono fatte distanti.

E' notte. Notte fonda.

Il metro con il quale ti sei abituato a misurare le cose della vita, è diventato inappropriato;

Gli idoli ai quali avevi affidato il tuo consenso e le tue scelte, si sono mostrati falsi, per quello che sono sempre stati;

I sistemi di credenze che hanno sinora plasmato il tuo vivere, hanno perduto la maschera, rivelando il vero volto dell'inganno.

E' notte. E' notte fonda, nel tempo del mondo, nella stagione dell'inverno dell'uomo imprigionato in ciò che era e in ciò che sarà; sospeso tra passato e futuro, disorientato, senza più cielo, dentro e fuori.

E' notte, così fonda che sembra quasi reale.

L'abilità più subdola degli operatori di iniquità, di coloro che operano nell'inganno, è di fare credere a tutti gli altri che sia reale ciò che reale non è e viceversa. Di fatto sono maestri dell'illusione ed artefici di un inversione di segno, un cambio di polarità delle cose.

Da quando l'essere umano ha smesso di guardare con gli occhi del cuore, per scelta o per inganno, ed ha iniziato a credere di vedere con gli occhi di una mente distratta, confusa, smarrita, ha perduto l'umiltà e la gioia fondamentali per tornare a vedere con gli occhi del cuore.

In molte culture antiche , si fa riferimento con il termine Maat alla legge divina, in-scritta dentro ad ogni cosa viva, dalla più piccola alla più immensa, dall'atomo alle galassie sconfinate, che regola il funzionamento di ogni cosa, secondo procedure ordinate, e precise. Molto precise.

Gli occhi del cuore vedono secondo tali procedure.

Gli occhi della mente, se distratti ed ingannati, vedono secondo le procedure opposte; quelli delle leggi dell'uomo.

Finchè l'essere umano continuerà a riporre la sua fiducia, svuotata e desostanziata, nelle mani di coloro che operano attraverso le leggi dell'uomo, secondo il tempo del mondo, l'essere umano sarà separato, diviso. Un umanità così non potrà seminare il rinnovamento.

Finchè l'essere umano andrà avanti seguendo le opinioni altrui, credendo agli istrioni di turno, barattando la vita per un pugno di false libertà, l'essere umano sarà separato, diviso. Un umanità così non potrà seminare il rinnovamento.

Solo un umanità che tornerà a vedere con gli occhi del cuore, nonostante tutte le brutture e le difficoltà del sistema mondo, nel tempo del mondo, riuscirà ad essere artefice del rinnovamento.

Solo un umanità che sceglie di avere cura del proprio libero arbitrio, che non per mano di uomo le è stato fornito o le può essere tolto, ma per dono divino; un umanità che sceglie di avere cura della direzione che sta prendendo; che sceglie di avere cura delle proprie scelte interiori e di essere sempre sempre sempre coerente rispetto a tale direzione, qualunque cosa succeda, riuscirà ad essere artefice del rinnovamento.

E' giorno. Giorno pieno.

E' luce. Luce viva, pulita.

Puoi ancora camminare, non fermarti.

Puoi ancora vedere con gli occhi del cuore, osserva.

Puoi ancora ascoltare il canto delle cose vive, canta.

E' giorno. Giorno pieno.

E' luce. Luce viva, pulita.

I luoghi che conoscevi conservano ancora la loro bellezza.

Ci sono ancora braccia pronte ad accoglierti e ad essere accolte.

Scegli oggi, senza paura rispetto alla narrazione del tempo del mondo, di avere cura del terreno dove stai per seminare i preziosi semi che custodisci nel tuo cuore, che sono un dono, e non vanno sprecati.

Scegli oggi di essere presente, nel tempo della vita, di essere tu stesso seme che sta per portare il rinnovamento.

Oggi, il rinnovamento, è preparare il terreno dove seminare con cura, gratitudine, disponibilità, solidarietà, ma non secondo le leggi dell'uomo, nel tempo del mondo, che sono sempre false, effimere, transitorie e portatrici di divisione e dolore.

Oggi il rinnovamento, è preparare il terreno dove seminare con cura, gratitudine, disponibilità, solidarietà solo secondo il tempo presente, il tempo della vita, con coerenza e profonda fiducia, secondo le leggi scritte nel libro della Vita, secondo la Maat.

Di fronte alla paura, semina Amore.

Di fronte all'inganno, semina Verità.

Di fronte alle brutture, semina Bellezza.

Di fronte alla durezza dei cuori, semina la Lode.

Di fronte alla separazione, semina Unione.

Di fronte alla tristezza che abita nei cuori delle persone, semina Gioia.

Se desideri essere nel rinnovamento, non tardare, inizia adesso a seminare.

MEDITAZIONE

 

La traccia audio MEDITAZIONE ti porta attraverso un percorso di ascolto. Ascolto del respiro, ascolto delle tue sensazioni. Ascolto del movimento dei tuoi pensieri. Ascolto dei tuoi desideri e scelte.

Sentiti sereno ed indipendente. 

La meditazione è un percorso intimo che ognuno può fare solo per se stesso. Le tecniche sono solo espedienti, strumenti per aiutarti ad intraprendere questo percorso. Ma  è assai difficile guidare una meditazione in modo efficacie e lo è ancora di più con l'utilizzo del virtuale. Rimani vicino a te stesso e fai il tuo percorso. Con serenità, dolcezza  e calma.

IMPORTANTE:

Scegli con cura il posto dove stai per fare la pratica di ascolto, assicurati che sia silenzioso e protetto. Siediti scegliendo una posizione stabile e confortevole.

Quando riapri gli occhi, torna a guardare la fiamma della candela davanti a te. Osservane il movimento, i contorni.

Riprendi adagio sintonia con il corpo e muovi dolcemente le articolazioni principali; collo, spalle, polsi, bacino, anche, ginocchia, caviglie.

Porta le mani nella ciotola di acqua fresca che hai posto davanti a te e rinfrescati il volto, gli occhi.

Con Gratitudine!

ASHTANGA YOGA

Se vuoi, adesso o in un altro momento, inizia a praticare seguendo le indicazioni che seguono.

Qui spetta a te la scelta:

  • Se hai una tua pratica personale consolidata, non seguire una traccia ma pratica il MYSORE

  • Se sei un praticante esperto scegli la traccia: PRIMA SERIE COMPLETA.

  • Se sei un praticante intermedio segui la traccia: PRATICA GUIDATA

  • Se sei principiante o comuque senti il bisogno di fare una pratica con meno posizioni scegli la traccia: ASHTANGA YOGA PRINCIPIANTI

Viste le caratteristiche dell'ashtanga yoga e l'intensità e la dinamicità della pratica, è fondamentale che tu legga quanto segue:

 

IMPORTANTE!

La proposta di pratica ASHTANGA YOGA è pensata per praticanti di ashtanga Yoga con già un minimo di  esperienza pregressa, nel rispetto del loro attuale livello (esperto, intermedio, principiante). Se decidi di seguirla fallo con totale serenità e soprattutto se non sei già praticante di ashtanga e/o non hai una pratica già consolidata, non scappare se le indicazioni ti sembrano fuori dalla tua attuale portata e comprensione. Rimani finchè riesci e poi adagio datti il tempo per rilassarti, respirare ed uscire con calma dalla pratica.

Per semplificare ricordati di stampare la scheda con le posizioni dell'ashtanga e di stampare o visionare prima di iniziare a praticare la scheda con il nome delle posizioni che compongono la traccia audio (solo per i praticanti principianti, pagina ASHTANGA YOGA PRINCIPIANTI)

  • Se sei principiante scegli la traccia audio ASHTANGA YOGA PRINCIPIANTI (clicca qui)  

  • Se sei un praticante intermedio scegli la traccia audio PRATICA GUIDATA (clicca qui)

  • Se sei un praticante esperto scegli la traccia audio PRIMA SERIE COMPLETA (clicca qui)

 

Buona pratica!

Con Gioia e Gratitudine

Tommaso per Kyem

Meditazione
00:00 / 48:53

Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli.

(Matteo 11,25)